Può un sorriso cambiare l’esito delle cose?

Può questa espressione basilare dell’essere umano condizionare in maniera positiva gli eventi futuri?

Ron Gutman ripercorre una serie di studi sul sorriso rivelandoci risultati originali e molto interessanti.

 

Gutman è il fondatore e amministratore delegato della HealthTap, una app online e per mobile capace di fornirci, in modo veloce e affidabile, risposte e consigli sulla salute. Il sistema si basa su un network di 38.000 dottori americani. Prima di questo lavoro fondò una compagnia che tutelava online la salute dei consumatori. Anche in questo caso lo fece coinvolgendo una vastissima community di scrittori.

 

Ron sin da piccolo avrebbe voluto essere un supereroe. Un po’ come tanti bambini, chiusi gli occhi la notte, sperava di salvare il mondo ed essere ringraziato. Amato.

Capito che la fantascienza non riusciva ad essergli di aiuto si rivolse alla scienza per trovare una verità più utile.

 

Iniziò così un viaggio attraverso le neuroscienze, l’antropologia, la sociologia e la psicologia per scoprire i poteri segreti del sorriso.

Aveva forse trovato il suo superpotere?

 

1. SORRIDERE AUMENTA SALUTE E SUCCESSO

 

La sua esplorazione cominciò in California con l’ intrigante UC Berkeley 30-year Longitudinal Study che esaminava i sorrisi degli studenti in un vecchio annuario e successivamente lo stato di salute, benessere e successo durante tutta la loro vita.

Ebbene i risultati insignirono i sorrisi più smaglianti nelle top rank di tutte le categorie sulla salute e il successo.

 

2. SORRIDERE AUMENTA LA DURATA DELLA TUA VITA

 

Ancora più strabiliante fu il Wayne State University Research Project che esaminava le figurine dei giocatori della Major League del 1952 e correlava la grandezza degli stessi alla durata della loro vita.

I risultati ci dicono che i sorrisi splendenti erano sempre associati a giocatori con una vita media di 7 anni superiore rispetto a chi non mostrava tali sorrisi.

 

3. SORRIDERE FA PARTE DI NOI

 

Il sorriso è una delle fondamentali e basilari espressioni dell’essere umano.

E’ presente in noi fin quando giaciamo nel grembo di nostra madre (lo dimostrano tecnologie ad ultrasuoni 3D) ed esiste a prescindere dalle differenze culturali così come nei bambini ciechi sin dalla nascita.

Paul Ekman, noto studioso del linguaggio del corpo e delle espressioni facciali, famoso per il contributo alla sceneggiatura della fiction Lie to Me, condusse fra i suoi studi antropologici un’osservazione in Papa Nuova Guinea che dimostrò come anche una cultura così incontaminata rispondesse con sorrisi a stimoli e racconti che produrrebbero gli stessi risultati in noi.

 

 

4. SORRIDERE E’ CONTAGIOSO

 

I supercampioni del sorriso sono i bambini, ne producono sino 400 al giorno.

Vi siete mai chiesti come mai stare vicino a loro ci induce a sorridere molto più spesso?

Due studi condotti dal 2002 al 2011 presso la Uppsala University in Svezia confermano che i sorrisi degli altri inibiscono la nostra capacità di aggrottare le sopracciglia. Perché? Perché sorridere è contagioso è può reprimere il controllo che di solito abbiamo sui nostri muscoli facciali.

 

5. SORRISO COME CAUSA DI BENESSERE E NON COME CONSEGUENZA

 

Nel 1872 Charles Darwin scrisse, in completamento alla teoria sull’evoluzione presente nel testo  “L’ origine della specie”, la teoria della reazione ai feedback facciali.

La teoria sostiene che l’atto stesso di sorridere ci fa stare meglio, piuttosto che considerare il sorriso come un semplice risultato del sentirsi bene.

 

Questa teoria è supportata da diversi studi recenti tra i quali troviamo quello condotto dalla Echnische University in Munich, germania.

Nel 2009 alcuni scienziati, usarono una macchina a risonanza magnetica per misurare l’attività cerebrale, osservando le regioni dei processi emozionali, prima e dopo aver iniettato botox per reprime i muscoli del sorriso. Gli esiti dimostrarono che i circuiti cerebrali emozionali legati a benessere e felicità si attivavano quando le persone potevano sorridere.

 

Sorridere stimola i meccanismi di ricompensa del cervello in un modo che nemmeno il cioccolato, noto induttore di piacere, riesce a competere.

In uno studio condotto in Inghilterra alcuni ricercatori hanno scoperto che un sorriso può produrre una stimolazione cerebrale simile a quella di 2000 barrette di cioccolato.

Oltretutto a differenza di 2000 barrette sorridere e più economico e non aumenta le nostre calorie.

 

6. SORRIDERE DIMINUISCE LO STRESS

 

Sorridere può aiutare a ridurre il livello degli ormoni dello stress – come ad esempio il cortisolo – regolando invece l’umore attraverso la produzione di endorfine.

Sorridere può anche diminuire la pressione sanguinea.

 

7. SORRIDERE CI RENDE PIU’ SIMPATICI E COMPETENTI

 

Sorridere ci rende migliori agli occhi degli altri.

E non è tutto…

Un recente studio della Penn State University conferma che quando ridiamo non solo appariamo più simpatici e cortesi, ma siamo anche percepiti come più competenti.

 

 

Sorridere ti fa apparire migliore e ti fa sentire meglio.
Quando gli altri ti vedono sorridere sorridono.
E se gli altri sorridono… appaiono migliori e si sentono meglio.

 

Quindi:

quando volete sembrare più grandi e competenti,

quando volete diminuire lo stress,

o migliorare il vostro matrimonio,

o sentirvi come se aveste ingoiato innumerevoli tavolette di cioccolato,

senza farvi carico delle calorie;

o, se come Ron,

volete acquisire un superpotere,

che aiuti voi stessi e tutti quelli che vi circondano,

a vivere più a lungo, in salute e felici,

SORRIDETE!!!

 

 

Alessandro Fortis

Lascia un commento